Trattamento fisico olio in condizioni di logistica estrema – Italia 2015

Posted on 27, May 2015

in Category


Scenario

Compagnia di produzione idroelettrica. Il trasformatore si trova sulle cime dell’Adamello (Lombardia).

 

 

 

Problema

Difficoltà logistiche estreme legate al raggiungimento del sito operativo: presenza di oltre un metro di neve, elevata pendenza e altitudine della via di accesso.
L’elicottero è l’unico mezzo ideneo per il trasporto degli impianti di trattamento olio, con conseguenti vincoli di peso molto stringenti.

 

Soluzione

Sea Marconi ha superato i severissimi vincoli logistici per l’accesso la sito operativo grazie all’impiego di unità di trattamento mobili (DMU) olio di nuova concezione. I nuovi impianti sono stati progettati e realizzati per essere leggeri (il peso stimato a vuoto è di 590 kg), di ridotto ingombro (L 1.560 x l 1.000 x h 1.440 (mm), facili di movimentare. Questo permette di poterli trasportare anche su carrello stradale senza necessità di scaricamento e permette di movimentarle, appunto, anche in zone con vincoli di accesso molto stringenti (su piattaforme off-shore, in caverna, bunker, centrali sotterranee, ecc.).

Grazie al suo ridotto peso e alle sue dimensioni, mediante agli anelli per l’ancoraggio l’unità di decontaminazione Sea Marconi è stata agganciata con una catena all’elicottero che l’ha trasportata alla centrale elettrica.

 

Scendendo in dettaglio, le due apparecchiature permettono l’aspirazione e pompaggio dell’olio (svuotamento e riempimento), il riscaldamento dell’olio ad una temperatura impostata, la filtrazione delle particelle solide in sospensione ed degasaggio e disidratazione sotto vuoto. Queste funzioni possono essere realizzate anche contemporaneamente mediante la circolazione dell’olio in continuo, a circuito chiuso fra impianto e trasformatore.
I sistemi di controllo e di sicurezza installati permettono l’uso dell’impianto anche senza presidio dell’operatore. L’impianto è progettato per operare con le seguenti performance:
– Portata nominale: 160 ÷ 600 l/h
– Temperatura massima di riscaldamento: 80 °C
– Temperatura dell’olio nella camera di degasaggio: 60÷70 °C
– Capacità di riscaldamento Δt = 40 °C a 600 lt/h
– Pressione massima: 6 bar
– Pressione assoluta nella camera di degasaggio: < 1 mbar a regime
– Filtrazione: 2 micron

 

Caratteristiche strutturali
L’impianto è montato su un telaio in acciaio inox AISI 304, equipaggiato con guida forche per movimentazione con carrello elevatore, anelli di ancoraggio per sollevamento mediante gru, ruote e blocchi d’angolo per ancoraggio su carrello stradale.
Tutti gli elementi del circuito idraulico, inclusi i punti di collegamento delle tubazioni flessibili di aspirazione e mandata, sono contenuti in una vasca a tenuta stagna per la raccolta delle eventuali perdite accidentali di olio.
Il circuito idraulico, la camera di degasaggio, i corpi dei filtri e il riscaldatore sono in acciaio inox AISI 304.

 

Trattamento fisico olio in condizioni di logistica estrema   Italia 2015/