Sea Marconi protagonista all’EBRI (European Bioenergy Research Institute) 0

Posted on 6, August 2008

in Category Ricerca e Sviluppo


Lo scorso 30 giugno, l’Università di Aston (Birmingham – UK) ha dato vita all’Istituto di Ricerca Europeo per la Bioenergia (EBRI) con l’obiettivo di condurre ricerche avanzate su tutti gli aspetti legati all’ambito “bioenergy”. Sea Marconi, grazie all’esperienza maturata nel settore, ricopre il ruolo di partner strategico dell’EBRI e grazie alle attività “in cantiere” si è già assicurata un ruolo di primo piano anche per le attività future. (guarda la presentazione mostrata all’evento)

Nel corso dell’evento inaugurale tenutosi il 30 giugno ed il 1 luglio 2008, Vander Tumiatti, leader e mente della Sea Marconi, ha presentato i brillanti risultati ottenuti da Haloclean® BioEnergy, la tecnologia brevettata per la conversione di biomassa “non food” in energia e calore.

Haloclean® all’interno di due progetti europei (Haloclean Conversion n° G1RD-1999-00082; Haloclean Applicatio  n n° G1RD-2002-03014) è frutto di una stretta collaborazione tra industria, università e centri di ricerca internazionali, tra cui l’FZK (Forschungszentrum, Karlsruhe, Germania) che ospita il Dipartimento di trattamento gas e pirolisi diretto dal prof. Andreas Hornung, oggi alla guida dei lavori dell’EBRI.

Il raggio d’azione dell’EBRI spazierà dalla ricerca fondamentale alle collaborazioni con l’industria su specifiche tecnologie sulla bioenergia. Il Centro offrirà consulenza ad aziende e governi, inclusi analisi e prove, valutazioni di opportunità per la conversione di biomasse e formazione. Inoltre il Centro svilupperà un impianto su scala dimostrativa per la produzione combinata di energia e calore (heat and power – CHP), finalizzato sia alla formazione sia per valutare le proprietà di diversi tipi di biomassa.

EBRI si autososterrà producendo energia e calore mediante pirolisi, combustione e gassificazione; il Centro lavorerà con aziende locali per aiutare la città di Birmingham a rispettare la riduzione delle emissioni di CO2 fissata per il 2025 e sarà impegnato su progetti in Germania, Austria, Ungheria per costruire impianti di potenza alimentati dalla combustione e pirolisi di biomassa.


Related Post

TAGS:

0 Comments

Leave a Message

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name*

Website

Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>